Cabernet Sauvignon

Il Cabernet Sauvignon, vitigno rosso della regione bordolese, è diffuso in tutto il mondo.

Il vitigno a bacca rossa della regione bordolese viene coltivato in tutto il mondo, probabilmente nella speranza di poter un giorno produrre un Bordeaux d’eccellenza. La California ha un’affinità speciale per il Cabernet Sauvignon: fu qui che il Cabernet Sauvignon attirò l’attenzione come vino da vinificazione monovitigno e fu qui che si trovo la soluzione all’enigma riguardante le due origini. Nel 1997, Meredith e Bowers dell’Università della California scoprirono che il Cabernet Sauvignon discendeva dal Cabernet Franc e dal Sauvignon Blanc. Si trattava della prima identificazione in assoluto di uve antenate tramite l’analisi del DNA. Il mondo del vino rimase stupito e questo tipo di esame cominciò davvero a prendere piede. Secondo i ricercatori, l’«atto» che ha dato vita al Cabernet Sauvignon si è verificato in modo spontaneo da qualche parte nella Gironda, dove i genitori vivevano quindi in stretta vicinanza. La prima menzione scritta risale a un libro contabile del sindaco di Libourne nel periodo tra il 1763 e il 1777. Il resto è storia. 

Grazie al colore intenso, agli acini piccoli dalla buccia spessa (buona per i fenoli), ai tannini potenti, all’acidità e agli aromi di cassis, ciliegia e peperone, il Cabernet Sauvignon è ideale in unione con il Merlot e il Cabernet Franc, poiché a volte offre più struttura che polpa e necessita quindi di supporto (in particolare il Merlot). 

Vini con vitigno Cabernet Sauvignon

;